247 Chagrin d'amour, 2

Latitando, come abbiamo appreso nella puntata precedente, zie e amiche più anziane capaci di dare un consiglio quando serve (non ci stanno o stanno altrove con la testa), non ci resta che cercare nella posta del cuore che, ogni tanto, riserva sorprese utilissime.

Non ho mai degnato di attenzione Francesco Alberoni, che sull'amore mi sembrava dire cose banalissime, ma ultimamente, sarà che si è banalizzato il mondo, l'ho riscoperto. Ecco dunque la sua risposta, che trovo impeccabile, a Alessia, che, come spesso accade a coloro che si chiamano Alessia, ha 28 anni. Abita in un paese di Sicilia, si annoia e, forse perché si annoia, fa pasticci: nella fattispecie si è innamorata di un ragazzo, gli ha fatto capire i suoi sentimenti, lui era già fidanzato, lei, allora, ha corteggiato il di lui fratello maggiore, ci ha 'vissuto l'intimità' (trovo questa locuzione bellissima, versatile, declinabile in modi diversi), lui dopo l'ha evitata, si è messo in mezzo anche il padre dei due, insomma, lei si è ritrovata isolata e sofferente.

Risponde il Sociologo: '...Ma una donna non deve mai dire a un uomo che lo ama se non è sicura che l'altro in qualche modo può ricambiarla...prenda più sul serio l'amore. Bisogna provarlo in due, l'amore felice nasce solo spontaneamente in modo bilaterale. Non si fidi di chi le dice che si può conquistare con la seduzione. Con la seduzione si può conquistare per un po' il corpo di un uomo, non il suo cuore. Inoltre, impari che non ci si deve mai vendicare nel campo dell'amore. Quando una storia è finita, bisogna accettarne la fine e aspettare che il nostro cuore torni capace di amare e di evocare l'amore...'

Lucido, spietato, pragmatico, operativamente in grado di suggerire una via di uscita. Meglio di qualunque zia o amica.

(Trovato su una rivista impresentabile che stata dalla podologa, portata via dopo aver chiesto il permesso, utilizzata per i miei fini e, in un moto circolare, deposta nel mucchio di quelle del parrucchiere, dove ci stava benissimo, perché me l'ero messa in borsa per buttarla ma mi ero scordata di farlo).

Chagrin d'amour, manga di Kiriko Nananan